Sei oggetti utili per la difesa personale di cui non sospetteresti mai l’efficacia

Le armi improvvisate

Una parte poco allenata ma molto importante della difesa personale è quella relativa alle cosiddette armi improvvisate. Vuoi perché si attribuisce più enfasi al combattimento fisico, in virtù dei benefici che si ottengono. Vuoi per la difficoltà a reperire oggetti di allenamento che “somigliano” a armi improvvisate, senza però produrne gli effetti lesivi. L’allenamento è per la maggior parte rivolto al combattimento disarmato o con armi classiche.
Tuttavia in caso di aggressione reale l’uso di un comune oggetto come arma può fare la differenza. Un oggetto contundente potrà tranquillamente azzerare differenze fisiche enormi.20160629_171329-1
Sotto riportiamo una serie di oggetti che con opportuni accorgimenti possono essere usati come armi a corta distanza in caso di aggressione. Oltre a quelli sotto riportati esistono altri comuni attrezzi che sapientemente usati possono rivelarsi molto utili ed efficaci in caso di difesa da aggressione.
Precisiamo che il nostro intento è solo esplicativo/accademico, per cui decliniamo ogni responsabilità sull’uso scorretto delle seguenti informazioni sotto.

Lacca spray

Molto più economica, funzionale e “nascosta” del famosissimo spray al peperoncino. Se ne trovano di diverse dimensioni, adattabili alle comuni borse. Una spruzzata sul viso dell’aggressore seguita da un calcio o un altro attacco per ottenere il vantaggio della fuga, si è spesso rivelata una strategia vincente.

Monetine

Oltre al classico utilizzo in macchinette per il caffè e merendine varie, monetine piccole o grandi potrebbero essere utili strumenti in caso di aggressione. Ad esempio, chi ha visto il film Il giustiziere della notte? In questa pellicola c’è un esempio calzante delle monetine come arma improvvisata. Il protagonista, infatti, usa un calzino pieno di monetine per colpire un gruppo di teppisti che lo stavano aggredendo. Si possono usare anche come oggetti proiettile sul viso dell’aggressore per distrarlo prima di sferrare un calcio e scappare.

Un uso inconsueto ma auspicabile sarebbe anche quello di liberarvi di grandi quantità monete da uno o due euro regalandole al sottoscritto, si accettano anche bonifici…

Chiavi/penna

Colpire con la punta di una chiave o penna il braccio dell’aggressore che ci tiene bloccati nella sua presa, risulta molto più efficace e veloce di qualunque tecnica di liberazione studiata. Utilizzare la punta di una chiave per colpire aumenta tantissimo l’effetto contundente di un qualsiasi colpo di mano, senza il rischio di possibili danni all’arto che sferra il colpo.

Ombrello

Un ombrello è un oggetto molto utile per la proprya protezione…soprattutto dalle piogge. Oltre l’uso canonico, esso potrà essere usato come un bastone per parare un attacco da coltello e/o tenere a distanza uno o più aggressori.

Zaino/borsa

Uno zaino/borsa si presta bene come scudo contro eventuali attacchi di coltello/bastone ed è altrettanto efficace come arma per aumentare l’efficacia dei colpi.

Pettine/spazzola rigida

Oggetto quasi immancabile dentro una borsa femminile. Si sfrutta l’azione tagliente dei denti rigidi del pettine. Essi “strisciati” sulla pelle di un aggressore sono capaci di produrre lacerazioni di media entità, utili per ottenere quel tanto sospirato vantaggio per mettersi in salvo.

Con un po’ di fantasia (o istinto di sopravvivenza) ogni oggetto potrà risultare utile per la difesa personale…sottolineo “difesa”.

Alberto Bertino

Perchè lo sparring è importante per il krav maga

Da qualche di tempo leggo in giro di istruttori che precisano nei loro volantini pubblicitari che il krav maga non necessiti di sparring o eccessivo contatto.
Non mi interessa e non ho intenzione di criticare il metodo di insegnamento di un altro. Ognuno trasmette la propria idea come vuole nel rispetto delle idee altrui. Vorrei però porre l’attenzione sul motivo per cui per noi, invece, lo sparring in allenamento è essenziale.

Precisiamo che lo sparring in palestra o in una competizione sportiva non sono un combattimento reale. Tuttavia crediamo che non ci sia metodo migliore per imparare a combattere.

La scelta di limitare le sessioni di sparring negli allenamenti è di natura commerciale. Se un allievo si scoraggia dopo aver preso qualche colpo, non è detto che il prossimo mese rinnovi l’abbonamento. Meglio lasciarlo dentro il suo guscio di illusioni, no?

Premesso questo, ecco cinque motivi per cui lo sparring è indispensabile:

  1. Provi le tecniche con il compagno “non collaborativo”

Molti si chiedono “perché quando combatto (faccio sparring) non riescono le tecniche se ci provo?”.
scoperta tanto scontata quanto sorprendente. Farsi una domanda e darsi la risposta…

  1. Sperimenti l’effetto dell’adrenalina e impari a gestirla

Il confronto libero con il compagno che ti colpisce, provoca il famoso effetto combatti o fuggi. Inoltre stimola la produzione di adrenalina. Facendo sparring pertanto impari a gestire l’effetto dell’adrenalina e a usarla in caso di scontro reale.

  1. È un esercizio funzionale al combattimento

Quale migliore modo per imparare a combattere che simulare un combattimento???

  1. È un ottimo esercizio aerobico/anaerobico

Il consumo calorico medio per la simulazione di un combattimento, in tutte le sue forme è di circa 700 Kcal/h. Un bel risultato se paragonato con altre attività e considerando lo spazio necessario che è minimo.

  1. Impari a muoverti realmente

Per quanto il tuo istruttore di possa mostrare i dettagli, ti spieghi come, dove e perché fare un determinato movimento, se non lo acquisisci da solo resterà sempre e solo teoria.

Per riassumere, fare sparring porta lo studente a “sbrigarsela da soli”. Insegna a gestire stress, paura, a capire i movimenti e progredire.

Insegnare un sistema di combattimento senza sparring, equivale per noi a insegnare il nuoto mostrando a bordo vasca come si fanno due bracciate.

Alberto Bertino

Corso di Krav Maga a Napoli

Krav Maga a Napoli

Per gli appassionati di Krav Maga a Napoli, Etna Defense System annuncia un nuovo corso con il nostro istruttore Aldo.

Giorno 22 marzo avrà luogo una lezione prova presso Aequilibrium Centro Fitness, in via Santa Brigida n. 64, alle ore 20.00
Per informazioni non esitate a contattarci!

krav maga napoli

I dieci libri che un guerriero dovrebbe leggere

La definizione di “guerriero” in tempi di (relativa) pace sembra un aggettivo ridicolo e oggetto di scherno, tuttavia oggi più che mai la nostra società ha bisogno di veri guerrieri.
Il guerriero “moderno” non è necessariamente un soldato o un poliziotto o in generale un “portatore di armi”. Nella visione moderna un guerriero è colui che combatte per aiutare se stesso e gli altri, un dottore o un infermiere è un guerriero, ma anche un “semplice” (per cosi dire) volontario di protezione civile è un guerriero, un insegnante e cosi via.
In generale chi offre tempo agli altri, per la loro formazione, istruzione o aiutando la comunità, chi non vuole soccombere e reagisce è un guerriero che in qualche modo affronta una battaglia più o meno ardua.
Credo che oltre alla tecnica, il guerriero debba coltivare la propria formazione spirituale confrontandosi e leggendo.
Sotto riporto alcune letture che ho trovato interessanti e che consiglio a tutti i moderni “guerrieri”, la lista è stata scelta non solo in base al valore tecnico del testo o dell’autore ma considerando soprattutto le informazioni storiche e i valori trasmessi.
Come ogni lettura, la lista ha un valore personale:

10-The fighting kukri-illustred lesson on Gurka combat knife
Autore: Dwigt C. Le More
Nonostante sia un testo prettamente tecnico, in più passi l’autore riprende e rimarca la differenza tra sport e realtà. Ciò che secondo me manca nella reale interpretazione moderna della difesa personale e arti marziali in genere, l’unico inconveniente, il libro è in inglese.

9– Tiro IDC. Tiro istintivo da difesa e combattimento: la via israeliana
Autore: Fabrizio Comolli
Quando uno dei miei migliori amici, esperto di tiro dinamico mi consigliò la lettura di questo testo, credevo di trovare solo nozioni sull’uso delle armi e varie tecniche di tiro. Niente di più sbagliato. Oltre alla presentazione della “scuola israeliana” nell’uso e maneggio di armi, il testo offre un’ampia gamma di spiegazioni sui meccanismi di reazioni sotto stress e sulle azioni correlate.

8- Go rin no sho – il libro dei cinque anelli
Autore Miyamoto Musashi
Un classico della letteratura marziale, Miyamoto Musashi è stato il più grande spadaccino del Giappone feudale .
Il suo libro è strutturato in cinque parti, ognuno corrispondente ad un elemento Terra, Acqua, Fuoco, Vento, Vuoto.
Nel Go rin no sho viene per la prima volta introdotto il concetto di comunità produttiva (contadino) e comunità guerriera (samurai) e che il funzionamento di una macrostruttura organizzativa dipende dal corretto funzionamento di entrambi. Il concetto è stato ripreso anche in altri e più moderni testi.

7- Kyusho, l’arte sublime ed estrema dei punti vitali
Autore: Saiko Fujita e Plèe Henry
Conoscere i punti sensibili dove sferrare il colpo decisivo è la ricerca estrema di ogni praticante di arti marziali, sport da combattimento e difesa personale. Ciò che ho trovato particolarmente interessante ed istruttivo in questo testo è la spiegazione chiara, dettagliata ma nel contempo semplice della teoria di MacLean sul Triune Brain (cervello trino rettiliano, mammifero e neocorteccia) e sui diversi meccanismi che portano psicologicamente ad un’aggressione .

6- Hagakure
Autore Yamamoto Tsunetomo
Un altro classico della letteratura marziale. A differenza di Myamoto Musashi, Yamamoto Tsunetomo non era un combattente nonostante fosse un samurai poiché ha vissuto nel periodo di decadenza militare dei samurai e dello shogunato. Nei suoi scritti sono ripresi concetti utili sia in tempo di pace che in tempo di guerra, con in più un codice etico di comportamento rispettoso verso il prossimo, le autorità e se stessi.

5-Sun Tsu-Sun Pin – l’arte della guerra e l’arte della strategia
Il sun tsu-sun pin non è un mero testo di strategia militare ma una pietra miliare per affrontare qualunque circostanza. Dopo millenni le nozioni e i concetti scritti in esso risultano incredibilmente attuali, tanto da indurre molti manager e leader a leggerlo almeno una volta. Come già citato, oggi un manager è equiparato ad un il guerriero poiché combatte per portare avanti un team, un’azienda ed ha la responsabilità del posto di lavoro dei suoi dipendenti.

4-Tao of jeet kune do
Autore: Bruce Lee
Quasi tutti dobbiamo il nostro ingresso in una palestra dopo aver visto uno o più film di Bruce Lee. Tao of jeet kune do è il libro maestro dell’arte di Bruce Lee, uomo, maestro ed attore che sicuramente non ha bisogno di presentazioni. Molti considerano sopravvalutata la sua fama, altri lo adorano come quasi un dio. A prescindere dall’opinione controversa che si può avere è innegabile che Bruce Lee è stato uno dei precursori di ciò che oggi conosciamo come “sistemi aperti” o “arti marziali miste” etc etc.

3- On Killing: The Psychological Cost of Learning to Kill in War and Society
Autore: Grossman David.
È cosi semplice uccidere? Un guerriero è pronto a compiere un atto estremo come quello di togliere una vita? Questo avrà conseguenze nella sua vita? Quali sono I freni inibitori che impediscono ad un individuo di togliere la vita ad un suo simile? Perché uomini apparentemente tranquilli si trasformano in individui sanguinari e come questo comportamento può essere influenzato?
Tutte queste domande trovano risposte in questo libro, attraverso interviste a ex veterani e chiare spiegazioni sul comportamento umano e come questo può essere influenzato dagli eventi. (vedi più avanti per informazioni sull’autore). Libro trovato solo in inglese.

2-Nella mente del samurai-il codice del Bushido
Autore: Thomas Cleary
Il testo raccoglie diversi insegnamenti degli antichi samurai, scritti che trattano di tecnica di combattimento, spiritualità e codice etico tutto con sorprendente “modernità” e ragguardevole raffinatezza. Quel che sorprende è come i problemi derivati dagli insegnanti ciarlatani, non riguardino solo quest’epoca di relativa pace, ma che sia un problema vecchio quanto il mondo.

1-On combat- Psicologia e fisiologia del combattimento in guerra e in pace
Autore: Grossman David; Christensen Loren W.
Il Colonnello Dave Grossman è un docente di psicologia a West Point, oltre ad essere un ex ranger e paracadutista, in America è una “celebrità”, ed i suoi studi sono talvolta portati come prove nei tribunali. Per citarne qualcuno, il Dott. Grossman sostiene che la vera causa della violenza che impera nel mondo da parte degli adolescenti sia da ricercare nella violenza dei videogiochi e nelle immagini violente del cinema. Scoperta dell’acqua calda? Provate a sostenere una tesi del genere negli anni 80. Un caso eclatante è stato l’assalto alla Columbine High School. Richiesto il parere del Dott. Grossman egli espone una relazione dove sostiene che, la facilità del reperimento delle armi è stata solo una delle cause della strage. I ragazzi hanno agito sotto influenza delle immagini derivate dai videogiochi e cercando di emularle. La prova è stata il ritrovamento, nelle loro case, di esplosivi (fabbricati artigianalmente) e vari oggetti atti ad offendere (mazze, tirapugni ecc..). Tutti molto comuni nei videogiochi.
Altro spoiler? Chi ha visto il film American Sniper ricorda che il padre di Chris Kyle nel dare un rimprovero ai suoi figli piccoli nel salotto di casa parla di pecore, cani da pastori e lupi. Ebbene questa affermazione è in realtà una risposta che un veterano diede al Dott. Grossman durante un’intervista (riportato anche su “on Killing” n.d.r.).
Prologo a parte credo che “On Combat” sia il libro maestro del moderno guerriero la semplicità di espressione. Glii insegnamenti trasmessi (condizione di combattimento, PTSD, debrifing, test SDM ecc..) e nel contempo il dettaglio ne fanno davvero un testo irrinunciabile per chiunque…specie per i moderni guerrieri.
Lo stile del Dott. Grossman è sempre quello delle “interviste” tratte dalle esperienze dirette dei veterani e una dettagliata spiegazione del loro comportamento, stile che si ritrova anche in “on killing” ma con finalità diverse.
L’unico consiglio che posso dare è di cercare “On combat” e leggerlo e per favore…niente fotocopie…i libri si comprano!!!!
P.S.
Potreste fare come mia moglie che “On Combat” me lo ha regalato (e poi divorato a sua volta).

Gara sociale di tiro con l’arco

Gara sociale di tiro con l’arco

Dopo il successo dello scorso anno, è con grande piacere vi presentiamo la seconda edizione della Gara Sociale di Tiro con l’arco, organizzata da Etna Defense System.
La gara  avrà luogo giorno 3 gennaio 2016 e si terrà presso A.S.D. Etna Shooting Club.

 Non occorre essere professionisti o agonisti, basta solo avere voglia di divertirsi e mettersi alla prova con una disciplina nuova e interessante.
La gara è aperta a tutti e verrà messo a disposizione un arco per chi non avesse il proprio, con una breve introduzione alla disciplina e una sessione di prova per tutti coloro che vorranno prima esercitarsi.
Per informazioni, non esitate a contattarci.

tiro con l'arco

Gara di tiro con l’arco

Corso Tactical Tonfa

Corso Tactical Tonfa

Etna Defense System – Krav Maga Catania è orgogliosa di presentarvi il nuovo Corso  Tactical Tonfa che partirà a breve presso Etna Shooting Club.
Per maggiori info, consultate la nostra pagina Facebook Etna Defense System

corso tactical tonfa catania

10 motivi per affiliarsi ad Etna Defense System

  1. Perché avrai la possibilità di partecipare gratuitamente agli eventi della Etna Defense System quali escursioni,  stage e gare sociali.
  2. Perché avrai idonea copertura assicurativa per gli eventi organizzati dalla Etna Defense System.
  3. Perché potrai contribuire alla crescita dell’organizzazione portando magari la tua esperienza passata.
  4. Perché potrai partecipare a diverse competizioni di submissioned MMA se sei interessato agli sport da combattimento.
  5. Perché farai parte di un gruppo che da anni si pone come scopo la diffusione delle discipline da combattimento e outdoor, in un clima di amicizia ma anche di sicurezza.
  6. Perché non “vendiamo” titoli ma offriamo la nostra professionalità a chi vuole imparare.
  7. Perché i nostri istruttori non hanno diplomi con valore “associazionistico” ma le qualifiche vengono rilasciate dall’ente di promozione sportiva a cui facciamo capo.
  8. Perché farai parte di un gruppo alla continua ricerca e sperimentazione di tutte le forme di combattimento.
  9. Perché farai parte di un gruppo in continuo aggiornamento, in contatto con istruttori internazionali.
  10. Perché più che un gruppo di “soci” siamo un gruppo di “amici” accumunati dalla passione per le discipline da combattimento, per la natura e del sano spirito di aggregazione.
    Se questo non ti basta, affiliati e lo scoprirai….

Le armi e l’evoluzione

Un’opinione sul dibattito che riguarda l’utilità delle armi

Non è una novità la mia passione per le armi, come spero sia altrettanto chiaro il mio rispetto per la vita in tutte le sue forme. Non mi piacciono la caccia, la corrida o altre forme di crudeltà verso uomini o animali.
Tuttavia penso che “Se uccidi sei un assassino”, sia un’affermazione corretta, ma alcune volte data da un giudizio frettoloso e sbrigativo. Rispettare la vita significa anche rispettare la propria di vita, il diritto alla difesa pertanto deve essere eseguito tutelato senza “se” e senza “ma”
Chi si proclama rispettoso, garantista, liberale e anti pregiudizi, spesso lo è solo a parole. E’ innegabile infatti l’accostamento “appassionato di armi = potenziale (o peggio ancora reale) pazzo assassino sadico”.
Non mi interessa rispondere a queste affermazioni (pregiudizi). Sono convinto che queste opinioni nascano dall’ostilità verso qualcosa che non conoscono (le armi con tutto il mondo di rispetto che ci sta dietro appunto) e l’ignoranza porta alla paura immotivata.
Ciò che invece mi preme esprimere l’infondatezza della negazione sulla necessità delle armi (in altre parole le armi sono indispensabili) ecco perché:
L’uomo è l’unica specie nel regno dei mammiferi che non ha “armi naturali”, i canidi, i felini piccoli o grandi, persino gli insetti di ridottissime dimensioni possiedono sistemi naturali atti alla difesa-offesa che siano zanne, artigli, zoccoli, veleni urticanti o tossine mortali. Tutti gli animali possiedono naturalmente delle “armi”, l’uomo no!
Tuttavia l’uomo nonostante appaia come la specie meno “forte” è sopravvissuto a millenni di evoluzione e continua nella sua escalation.
Giusto o sbagliato, morale o immorale è un dato di fatto che l’uomo è arrivato dove le altre forme di vita sulla terra non arrivano, ma perché?
Fin dal primo momento l’uomo ha dovuto arrangiarsi, applicare ciò che si chiama “problem solving” alla sua deficienza difensiva e lo ha fatto raccogliendosi in gruppi, rendendosi conto della sa vulnerabilità come singolo e trovando delle alternative alla propria carenza di armi naturali usando ciò che la natura gli forniva.
Un bastone poteva essere usato per colpire (come uno zoccolo), una selce scheggiata poteva servire a tagliare (come un artiglio) e cosi via. La sopravvivenza della specie umana si deve alla creazione delle armi, sia come strumenti di difesa che da lavoro (un bastone poteva servire a rompere una noce di cocco cosi come un coltello si prestava a tagliare arbusti per farne corde, ad esempio).
È innegabile perciò che uno dei primi esempi di “problem solving” e di adattamento sia stato fornito proprio dalla necessità di creare delle armi da difesa e attrezzi da lavoro, va da se che lo sviluppo intellettivo lo si deve pertanto anche all’invenzione delle armi.
Con il tempo l’uomo comincia la sua colonizzazione della terra con tutto quello che la storia ci insegna. Sfido chiunque a negare che la sua evoluzione umana non vada di pari passo con l’evoluzione bellica, dalla creazione di archi e balestre arrivando alla polvere da sparo e dei primi archibugi fino alle moderne e temutissime armi di distruzione di massa. Per capire la velocità di evoluzione delle armi basta considerare che, nei quattro anni di conflitto della prima guerra mondiale si è passato dall’armare i soldati con moschetto e coltello da trincea, all’uso di carri armati e bombardamenti aerei…e stiamo parlando di un secolo fa.
Con la creazione di piccoli gruppi, villaggi, regni e nazioni si sviluppa sempre più il concetto di “noi” e “loro”, e per quanto se ne dica sarà un concetto insuperabile. Tratti somatici, cultura o semplice differenza di vedute, fanno scattare nella mente del singolo il primordiale istinto di classificazione.
Causa la creazione del concetto “noi-loro” l’uomo comincia a volgere le armi (più o meno evolute) contro se stesso o meglio. Contro chi ritiene “loro” al fine di sopraffarsi l’un l’altro. Questo è imputabile alla natura umana, non alle armi. Che si muova guerra (aggredisca) con bastoni,spade o con i missili il responsabile è l’uomo non l’arma, tuttavia le remore nell’uccidere un altro essere umano comunque ci saranno sempre (esistono diversi testi sull’argomento) e questo è frutto dell’evoluzione intellettiva, che fa ben sperare un giorno nel superamento del concetto “noi-loro”.
Purtroppo però non si potrà superare il concetto di “noi-loro” o mutare la natura umana in tutti gli individui contemporaneamente, per cui è impossibile eliminare gli atti violenti. Per quanto si cerchi di promuovere e arrivare a condividere la cultura del “volemose bene”, la mela marcia ci sarà sempre.
Appare chiaro che chi ha voglia di sopraffare e possiede un’arma è avvantaggiato rispetto al malcapitato che non ne possiede.
Che se ne dica quindi“LE ARMI SONO INDISPENSABILI PER LA DIFESA DELL’UOMO SIA DA ALTRE SPECIE CHE DA SE STESSO”. Se oggi potete studiare ingegneria, giurisprudenza, filosofia etc. etc. lo dovete solo all’uso delle armi create per la sopravvivenza della specie umana. Senza di esse l’uomo si sarebbe estinto presto e con esso tutte le scienze e le arti che state studiando o avete studiato. Lo sviluppo intellettivo dell’uomo, cosi come la sua sopravvivenza, è stato determinato dall’invenzione delle armi e dalla loro evoluzione.
Credo inoltre anche chi si proclama “antiarmi e pacifista” spesso (non sempre) lo faccia solo per codardia. E’ più facile non reagire e cadere nel vittimismo adducendo scuse del tipo “io sono per la vita, non potrei mai uccidere, le armi uccidono. Ricordiamo però che anche il prezzemolo uccide ma nessuno è contro il prezzemolo.
Una persona che molti conoscono una volta disse:
“La mia non violenza non ammette che si fugga il pericolo, lasciando i propri cari senza protezione. Tra la violenza e la fuga codarda, io non posso che preferire la violenza”
Ed ancora:
“Il messaggio della non-violenza è per quelli che sanno come morire, non per quelli che hanno paura della morte. Se uno non possiede tale coraggio allora voglio che coltivi l’arte di uccidere e di essere uccisi, anzichè trovare una maniera vigliacca per fuggire il pericolo”
Questo pazzo assassino violento è niente meno che il Mahatma Ghandi…
O anche:
“se qualcuno cerca di uccidervi con un’arma, sarebbe ragionevole se voi rispondeste al fuoco. Non alla testa, dove il colpo sarebbe fatale, ma in un’altra parte del corpo come alle gambe”.
Affermazioni fatte da quel violento, assassino e sadico di Tenzin Gyatso…conosciuto a tutti come il Dalai Lama.
Non credo sia necessario aggiungere altro.

Alberto Bertino