Corso istruttori Krav Maga Catania

Abbiamo il piacere di presentarvi una nuova iniziativa:

La ASD Etna defense system organizza il corso formazione istruttore Krav Maga. A fine corso si rilascerà diploma dell’ente di promozione sportiva ASC, valido a tutti gli effetti di legge.
Per le info:
www.ascsport.it
formazione@ascsport.it
etnadefensesystem@gmail.com
Tel: 3393363384-3408892386

 

kracorso

Gare e krav maga – un grosso nonsenso

Più tempo passa e sempre di più sono gli eventi organizzati come gare di krav maga.
La formula proposta (almeno quella che conosco io) è quella “individuale o a squadre” in cui uno o più persone eseguono ciò che spacciano per “tecniche letali”, con maestria ed eleganza tanto da ricordare i ballerini di danza, qui statta la prima domanda: “come fai a dimostrare una tecnica letale”??.
Sia chiaro vedere le dimostrazioni, è una cosa piacevole nonché lodevole da parte di chi usa il tempo per organizzare tutto. Trovo che lo sforzo nel gestire le lezioni insieme con le prove della dimostrazione sia una cosa molto impegnativa per allievi e istruttori.
Ciò che non comprendo è il voler fare una gara di dimostrazioni, poichè di questo si tratta o gare sportive di combattimento.
Per onestà a chi si avvicina alla disciplina chiarisco che “se vuoi competere cerca un’altra disciplina”.
Chi vuole fare competizioni dovrebbe indirizzarsi verso la boxe, la lotta libera o le MMA solo per citarne alcune, discipline nate per la competizione perché prevedono un combattimento regolamentato. Oppure cercare di praticare più discipline per rendersi conto di ciò che realmente cerca (cosa che anche a chi pratica da anni un solo stile. Praticare più discipline permette di avere un bagaglio tecnico più ampio e una mente più aperta), se qualcuno desidera partecipare a competizioni di lotta può orientarsi nelle discipline sopracitate o provarne altre MA NON DEVE SCEGLIERE IL KRAV MAGA!!
Il krav maga è nato per la difesa personale, non prevede competizioni, ne le sue tecniche sono “sportive” (dita negli occhi, calci ai genitali e morsi….non mi sembrano tanto sportive….), forse potrà essere antieconomico insegnarlo rispetto alle discipline che prevedono competizioni. Tuttavia, se si sceglie una via bisogna perseguirla senza cercare capziosi sotterfugi commerciali al fine di tenersi un possibile allievo (leggasi pollo da spennare), propinando delle gare senza senso a cui l’allievo potrà partecipare e che una volta vinto il “primo posto” avrà la sua bella coppa/medaglia da incorniciare dove sarà scritto “primo posto campionato di krav maga”. Credo sarebbe stato più utile utilizzare il tempo impiegato a preparare la competizione nell’esercitarsi all’applicazione delle tecniche “sotto stress” ad esempio, e non impegnarsi in qualcosa che alla fine non ha costrutto.

Alberto Bertino